Manufolie

L’opera vince il “Premio di Scultura Quinto Ghermandi” a Crevalcore, Bologna; Materiale: cera d’api colorata; Dimensioni installazione in cm: 120x35x10; Anno 1999.

manufolie per  terra_3manufolie per terra_1manufolie per terra_2manufolie per terra_4manufolie per terra_h
manufolie per  terra_3

manufolie per terra_3

manufolie per terra_1

manufolie per terra_1

manufolie per terra_2

manufolie per terra_2

manufolie per terra_4

manufolie per terra_4

manufolie per terra_h

manufolie per terra_h

L’idea della “Manufolia” nasce dall’incontro tra la mia mano e una foglia d’acero.
Plasmando della cera d’api sul palmo della mano, la mia storia rimane impressa in questo strato sottile di cera, i miei segni si sostituiscono a quelli che nella foglia hanno la funzione vitale di traspirazione e nutrimento.

About Francesca

La mia curiosità è attratta dalle corrispondenze formali fra il mondo dell’uomo e gli elementi vegetali e minerali. Rimango incantata di fronte al miracolo che li fa coincidere in un istante, totalmente. Questa visione accade in un luogo senza tempo. Il mio non tempo: unità di misura infinita e ciclica. “Tempus non Habeo” grido, e giro una clessidra immobile. Mi scopro caduca. Mani e foglie si fondono per formare una nuova essenza, nient’altro che humus che nutre la terra. E’ il sacro di cui abbiamo perso memoria. Ma ogni elemento, ogni umore, è una reliquia che può ricordarcelo. Non c’è iato tra Uomo e Natura. Allora, in un breve momento un frutto è un seno; un fiore secco una malinconica, regale, signora di mezza età; dei sassi raccolti sulla spiaggia sono dei gustosi ciottolatini; è la sensazione che uomo e natura siano un tutt’uno e che al di fuori di questa unità non vi sia spazio per l’equilibrio. Per questo le trampoliere si muovono al limite, fra due mondi, donne e animali, su alti steli, precarie, certamente, ma anche leggere, ma anche elevate…
My curiosity is attracted by formal correspondence between mankind and the vegetable and mineral elements. I remain enchanted in front of the miracle that makes them coincide in an instant, totally. This vision occurs in a timeless place. My time is not a unit of infinite extent and cyclical. "Tempus habeo not" I cry, turning around an hour-glass still. I find myself redundant. Hands and leaves combine to form a new essence, nothing but humus that nourishes the earth. And 'the sacred memory of which we lost. But every element, every mood, is a relic that can remind us. There is no gap between Man and Nature. Then, in a short time a fruit is a breast, a dried flower melancholy, regal, middle-aged woman; of stones gathered on the beach are tasty ciottolatini; is the feeling that man and nature are at one and the outside of this unit there is room for balance. For this move to limit the wading bird, between two worlds, women and animals, on tall stems, precarious, certainly, but also light, but also elevated...